Shopping

l’alta moda mi ha sempre sedotta e attirata, l’ho seguita nel poco spazio dedicatogli in televisione per molti anni: m’incanto a vedere i tessuti utilizzati in modo unico e artistico e stravagante da stilisti e sarti straordinari. sebbene io non ricorda nomi e cognomi e griffe e marchi quasi di nulla, mi piace guardare i movimenti dei tessuti e come cadono e calzano sulle modelle, e osservo la linea sottile che unisce (o separa) la modella dal suo abito. assaporo il momento.

se Enzo e Carla aprissero l’armadio dove tengo i miei vestiti, si metterebbero le mani nei capelli: io compro e indosso solo quello che mi piace. e sebbene loro siano due persone che, viste dal divano di casa, mi piacciono molto e i consigli che danno nella loro trasmissione li trovo sempre interessanti, credo che ricadrei nei miei “errori” molto presto.  un po’ come molti ho una visione tutta mia della moda e dello shopping, e mi ritrovo ad essere felice e soddisfatta e completamente a mio agio di fronte ai vestiti usati, vintage o “diversamente nuovi”! (mi piace un sacco questo titolo!)
hanno un fascino irresistibile su di me… perché hanno una storia, un passato, un percorso, perché mi fanno riflettere sulla soggettività delle scelte, perché mi parlano, raccontano un viaggio, e anche perché il loro riutilizzo non alimenta il consumismo.

Collage_Fotor111

pochi anni fa sono venuta a conoscenza di un’iniziativa in un paese vicino al mio, alla quale cerco di non mancare, sia per gli intenti solidali, sia perché trovo dei vestiti che mi piacciono molto, in ottimo stato, e praticamente in regalo. Federica, è una volontaria veterana di questa iniziativa e mi racconta che l’idea è nata una decina di anni fa: la raccolta dei vestiti usati la facevano da tempo ma consegnavano poi tutto all’azienda incaricata allo smaltimento dei tessuti. un giorno lei e altri hanno avuto l’illuminazione di tenere i capi in buono stato e venderli per ricavare soldi da usare per la comunità locale. e l’iniziativa, nonostante non sia accolta in massa, è molto apprezzata.

acquistare un vestito nuovo, che sia per donne o uomini, che sia per necessità o per puro piacere, che abbia l’etichetta o ne sia sprovvisto, credo sia sempre un momento di soddisfazione personale. un attimo di freschezza, in cui ci si sente rinnovati, appagati e belli.
essere “diversamente nuovi” significa che ti viene dato un senso, un valore, un interesse differente da quello di prima, che vieni visto con sguardo diverso, che sei considerato da altre angolazioni. che se per qualcuno sei la fine, per altri puoi essere l’inizio. che non c’è mai un solo punto di vista, una verità sopra le altre. non c’è mai una scadenza prestabilita, perché non c’è mai limite alla capacità di vedere bellezza!

IMG_4763_Fotor10

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...