Valle delle Sfingi (40 km)

Collage_Fotor2Collage_Fotor3Collage_Fotor6

a parte le domeniche estive, qui non viene mai nessuno.
questa valle la conosco da quando sono piccola. frequentavo questi luoghi perché uno zio era nato qui e qui aveva ancora la casa natale, ristrutturata ma mantenuta nella struttura originaria, che usava in estate ma era agibile in tutte le stagioni.. ed è stata un po’ il punto di riferimento per parenti e amici per molti anni. con la mia famiglia salivo le domeniche primaverili e con i miei zii e cugini stavo molti giorni in estate.
mi ricorderò sempre il momento in cui si scendeva dalla macchina, dopo il viaggio di andata, oltre al profumo dell’aria (un mix buonissimo che prendeva sfumature di erba verde e funghi e letame e acqua freddissima e terra bagnata e pane) che quasi ti graffiava dentro alle narici da tanto era puro, se non ti eri coperto bene la pancia, il primo passo fuori dalla macchina era letale per il tuo intestino. il paese dove andavamo noi, a pochi chilometri dalla valle delle sfingi è a circa mille metri di altitudine, eppure dalla città, passando per il tepore della macchina (macchina.. “il nostro” non era mica solo una macchina! un pulmino volkswagen di quelli hippie.. ma questa è un’altra storia..), si arrivava in montagna e come una sorta di benvenuto obbligato, c’era la coda in bagno prima quasi dei saluti agli ospiti.

al pomeriggio si faceva sempre una camminata, che a volte arrivava fino alla valle delle sfingi.. un parco giochi naturale che lascia a bocca aperta grandi e piccoli. una meraviglia!
questo territorio fa parte del parco naturale regionale della Lessinia. I monoliti in calcare che caratterizzano la valle sono dovuti al fenomeno del carsismo causato dall’azione erosiva dell’acqua che scioglie il carbonato di calcio delle rocce calcaree. In particolare nella Valle delle sfingi, i monoliti si sono originati per l’erosione e la disgragazione di due tipi di calcare: Rosso Ammonitico e Oolite di San Vigilio. Nel tempo queste rocce si sono modellate e ora si trovano allineate in modo longitudinale sul fondovalle e distanziate tra loro.

facendo attenzione alle distese di ortiche, le piante pungenti dei cardi, intervallate qua e là da cacche di mucche di passaggio, questa valle apre la mente e fa sorridere gli occhi. un respiro profondo a pieni polmoni dopo essere stati sott’acqua senza ossigeno. e il cuore assapora il riposo soddisfatto e gioioso dell’arrivo.
oggi qui ci portiamo i nostri figli, come tradizione da tramandare ai posteri, cercando di far provare loro le emozioni che abbiamo provato noi da piccoli, sapendo che, attraverso la loro unicità riescono a provarne di nuove, e mettendo insieme le nostre e le loro, la magia si amplia. 2.0

Collage_Fotor4Collage_Fotor1Collage_Fotor5Collage_Fotor7

 

Un pensiero riguardo “Valle delle Sfingi (40 km)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...